domenica 30 agosto 2020

Lucinda Riley - LA RAGAZZA DELLA LUNA

 



Autore: Lucinda Riley

Titolo: La ragazza della luna

Titolo originale: The Moon Sister

Genere: Romanzo rosa, Fiction storica

Editore: Giunti

Collana: A

Data di uscita02/01/2019

Pagine720

Prezzo ediz. cartaceaBrossura con bandelle 16,90 

E book Kindle: 9,99 €

Ambientazione: Scozia, Granada (Spagna), Argentina, New York


Dal sito della casa editrice Giunti:

"Lucinda Riley è nata in Irlanda e ha esordito come scrittrice a 24 anni. I suoi romanzi sono dei bestseller internazionali che hanno venduto 8 milioni di copie nel mondo e sono tradotti in 39 Paesi. Lucinda vive tra il Norfolk e il Sud della Francia, con il marito e i quattro figli. Per Giunti sono usciti con enorme successo: Il giardino degli incontri segreti (2012), La luce alla finestra (2013), Il segreto della bambina sulla scogliera (2013), Il profumo della rosa di mezzanotte (2014), L’angelo di Marchmont Hall (2015), Il segreto di Helena (2016) e i primi sei volumi di una saga di sette libri, Le Sette Sorelle. La saga diventerà una serie TV prodotta a Hollywood."
La saga de "Le sette sorelle" ha visto uscire finora i seguenti libri:
Libro 1: Le sette sorelle. La storia di Maia (2015)
Libro 2: Le sette sorelle. Ally nella tempesta (2016)
Libro 3: Le sette sorelle. La ragazza nell'ombra (2017)
Libro 4: Le sette sorelle. La ragazza delle perle (2018)
Libro 5: Le sette sorelle. La ragazza della Luna (2019)
Libro 6: Le sette sorelle. La ragazza del Sole (2020)


Recensioni

“La ragazza della luna” è il quinto romanzo della saga “Le sette sorelle” di Lucinda Riley (composta dai libri “Le sette sorelle”, “Ally nella tempesta”, “La ragazza nell’ombra” e “La ragazza delle perle”) e come in ogni romanzo precedente, l’autrice ha una capacità straordinaria di descrivere gli ambienti presenti nel suo romanzo, permettendovi di percorrere con i personaggi ogni passo ed ogni emozione. (E. Castiglioni su sololibri.net)

Nonostante sia uno degli ultimi capitoli di una saga più ampia, La ragazza della luna ha il raro pregio di essere un romanzo appassionante anche se letto indipendentemente dagli altri quattro. La lettura è scorrevole e a tratti molto coinvolgente, soprattutto per ciò che riguarda la narrazione dedicata a Lucia e ai gitanos... Nonostante la storia scorra bene, il mistero delle origini delle sorelle sia molto intrigante e l’ambientazione tra le Highlands e Granada offra notevoli possibilità narrative, infatti, il risultato è deludente: le dinamiche tra i personaggi seguono strade scontate e il finale, affrettato in entrambe le narrazioni, lascia un po’ insoddisfatti. (Ambra Stancampiano su letture.org)

Trama (non viene mai svelato il finale)

Quinto volume della saga de "Le sette sorelle", è la storia di Taygete, detta Tiggy, la più spirituale delle sorelle D'Aplièse, definita dalle altre sorelle "fiocco di neve", dolce, gentile e amante della natura. L'anno di ambientazione è il 2008. Pa' Salt è morto da più di cinque mesi, lasciando una lettera a ciascuna delle sorelle adottive, fornendo indicazioni sui luoghi in cui le ha trovate. 
Tiggy trova un lavoro in una tenuta nelle Highlands, in una gelida regione selvaggia della Scozia, proprietà del dottor Charlie Kinnaird, sposato con la gelosa Ulrika. Tiggy avrà il compito di aiutare i gatti selvatici ad adattarsi ad un nuovo habitat. Qui incontra Chilly, un vecchio zingaro che vive alla tenuta, un'enciclopedia vivente sui rimedi erboristici per gli animali e gli esseri umani. E' proprio lo zingaro a rivelare a Tiggy le sue origini gitane (nella lingua rom il suo nome significa "porcospino") e la sua discendenza particolare da veggenti straordinari, da cui lei aveva ereditato il dono della chiaroveggenza. Nella cultura gitana è la luna la dea delle donne. 
A questo punto si diramano due filoni narrativi, quello di Chilly che racconta il passato della famiglia di Tiggy e quello presente che riguarda le vicende nella tenuta Kinnaird.
Chilly sapeva che la ragazza della luna sarebbe arrivata e che lui l'avrebbe guidata alla ricerca delle sue origini. Tiggy viene così a sapere che sua nonna era Lucia Albaycin, la ballerina di flamenco più famosa del suo tempo, chiamata La Candela. Lo zingaro invita Tiggy ad andare in Spagna, a Granada, nel quartiere di Sacromonte, di fronte alla magnifica Alhambra, dove potrà scoprire la verità sulla sua famiglia di origine. Qui Angelina, l'ultima bruja di Sacromonte, le continuerà la storia della sua famiglia, la volontà di successo della nonna Lucia, la guerra civile spagnola, la fuga in Portogallo, il trasferimento prima in Argentina e poi a New York.
L'altro filone vede Tiggy impegnata nel suo lavoro alla tenuta, la scoperta della presenza di un cervo bianco, i tentativi di difendersi dalle avances di Zed, ricco ospite del Lodge, che aveva già frequentato le sorelle Maia ed Electra ed il cui padre aveva la sua barca ormeggiata accanto al Titan di Pa' Salt in Grecia l'anno precedente. Tiggy invece sente crescere l'attrazione verso il suo datore di lavoro, il dottor Kinnaird. La ragazza però resta ferita da un proiettile, che uccide invece il cervo bianco. Ricoverata le viene scoperta una sospetta miocardite che, anche seguendo il "consiglio" di Ulrika, la spinge a lasciare la Scozia. Ma qualcuno insidia la proprietà della tenuta, impugnando il testamento che l'aveva consegnato al dottore Charlie Kinnaird.

Giudizio personale

Stile di scrittura scorrevole, lettura piacevole. Confermo anche in questo caso che la saga delle sette sorelle non è un capolavoro, ma la Riley riesce a rendere interessante ed intrigante ogni libro. La struttura è la medesima in ogni libro e quindi corre il rischio della ripetitività, unisce le vicende del presente a quelle del passato delle diverse sorelle adottive ed è inevitabile visto che si tratta di ricerca delle proprie radici. Devo dire che questo libro mi è piaciuto più degli altri per la caratterizzazione del personaggio Tiggy e per la descrizione di luoghi dal sicuro fascino, come la Scozia e Granada in Spagna.


Stile
6/10
⬛⬛⬛⬛⬛⬜⬜⬜⬜
Piacevolezza lettura
7/10
⬛⬛⬛⬛⬛⬜⬜⬜
Rappresentazione personaggi
7/10
⬛⬛⬛⬛⬛⬜⬜⬜
Trama
7/10
⬛⬛⬛⬛⬛⬜⬜⬜
Giudizio complessivo
7/10
⬛⬛⬛⬛⬛⬜⬜⬜










Consiglio di lettura: sì.

sabato 29 agosto 2020

Wilbur Smith - IL DIO DEL DESERTO

 



Autore: Wilbur Smith 

Titolo: Il Dio del deserto

Titolo originale: Desert God

GenereFiction storica, Avventura

Editore: Longanesi

CollanaLA GAJA SCIENZA

Data di uscita: settembre 2014

Pagine496

Prezzo ediz. cartacea: cartonato 14,90 €

E book Kindle: 2,99 €

AmbientazioneEgitto


Dal sito della casa editrice Longanesi

"Wilbur Smith è l’autore contemporaneo più venduto in italia, con oltre 26 milioni di copie. I suoi romanzi nascono da una profonda conoscenza personale del continente africano e di molti altri luoghi dove l’autore è vissuto. È nato nel 1933 nella Rhodesia del Nord (l’attuale Zambia), ma è cresciuto e ha studiato in Sudafrica. Si è dedicato a tempo pieno alla narrativa dal 1964. Dopo i primi romanzi, usciti senza particolare successo presso altri editori italiani, nel 1980 la casa editrice Longanesi pubblica Come il mare, affermando Smith presso una vasta comunità di lettori. Sarà il primo di 39 best seller avvincenti che spaziano dall’Asia all’Africa alle Americhe e dall’antico Egitto ai giorni nostri, oggi veri e propri classici del genere. Tra i suoi romanzi più letti ed evocativi: Il dio del fiume, Il settimo papiro, La legge del deserto, Come il mare, Il dio del deserto, Il leone d’oro e L’ultimo faraone."

I romanzi nel catalogo Longanesi:

Ciclo dei Courteney

I Courteney Atto I (XVII – XVIII secolo)

1. Uccelli da preda
2. Il leone d’oro
3. Monsone
4. Orizzonte
5. Il giorno della tigre

I Courteney Atto II (XIX – XX secolo)

La voce del tuono
Gli eredi dell’Eden


I Courteney Atto III (XX secolo)

1. La spiaggia infuocata
2. La volpe dorata


Ciclo dei Ballantyne

La notte del leopardo

Romanzi egizi

1. Il dio del fiume
2. Figli del Nilo
3. Alle fonti del Nilo
4. Il dio del deserto
5. L’ultimo faraone


Ciclo Hector Cross

La legge del deserto
Vendetta di sangue
La notte del predatore


Altri romanzi

L’ombra del sole
Ci rivedremo all’inferno
Una vena d’odio
L’uccello del sole
Un’aquila nel cielo
Sulla rotta degli squali
Dove finisce l’arcobaleno
Come il mare
Il trionfo del sole


Recensioni

Il più importante scrittore di avventure del nostro tempo. (Fernanda Pivano, Corriere della sera)

Ora il re dei bestseller, il più importante scrittore d’avventura dei nostri tempi a detta di Fernanda Pivano, è tornato in libreria con “Il dio del deserto” ..., nuovo capitolo del ciclo egizio, arrivato a ben vent'anni da “Il dio del fiume”, primo romanzo della saga, e a sette da “Alle fonti del Nilo”, penultima avventura di Taita, consigliere intimo del faraone, scriba geniale ed enigmatico. (Nicole Cavazzuti, Il Messaggero)

Una produzione sconfinata, quella smithiana, ampiamente saccheggiata dal cinema, con cui lo scrittore ha il seguente rapporto: «L’ideale è vendere i diritti senza che il film si realizzi». Il filo rosso dei suoi romanzi, lunghezza media 500 pagine, è la trasposizione in epoche passate e ambientazioni esotiche della sua vita avventurosa. (La Repubblica Milano)

Trama

Taita è il fedele consigliere del Faraone, medico, poeta, sacerdote e inventore. Ora ha l’impegnativo compito di occuparsi, come tutore e mentore, delle due vivaci figlie della regina Lostris, Tehuti e Bakatha, che gli ricordano la madre, di cui Taita è stato amante spirituale e di cui ha raccolto le ultime parole in punto di morte. Come se non bastasse ci sono poi da seguire gli affari di stato e la minaccia degli Hyksos, che hanno invaso il delta del Nilo, costringendo il Faraone a ritirarsi nel Sud del paese. Accorto stratega, Taita sa che per tentare di scacciare definitivamente gli invasori dovrà chiedere l’aiuto del re di Creta, il potente Minosse. Malvolentieri Taita parte con una flotta verso l’isola di Creta e poiché ogni alleanza vuole un pegno in cambio, Taita porta in dono a Minosse le due vergini, Tehuti e Bakatha. Le due giovani donne, però, si sono innamorate del luogotenente di Taita e di un altro ufficiale. Tra molte avventure e visite a luoghi meravigliosi, come Babilonia e Sidone, Taita riesce finalmente a sbarcare a Creta. Ma sul loro destino incombono minacce ancora più imponenti.

Giudizio personale

Con questo romanzo Smith ci riporta nell'antico Egitto, un mondo ed un'epoca che l'autore sa trattare con passione capace di coinvolgere il lettore. Lo stile di scrittura è veloce, scorrevole ed avvincente, teso a presentarci attraverso la visione di Taita le antiche civiltà egizia, mesopotamica e cretese. Il problema che deve affrontare un lettore che non voglia solo scoprire come andrà a finire è un accostamento di storia e mitologia abbastanza confuso. I personaggi sono poco caratterizzati, prevedibili oppure eccessivi, con un'antipatia che sgorga spontanea verso la saccenteria del protagonista Taita.



Stile
6/10
⬛⬛⬛⬛⬛⬛⬜⬜⬜⬜
Piacevolezza lettura
7/10
⬛⬛⬛⬛⬛
Rappresentazione personaggi
5/10
⬛⬛⬛⬛⬛⬜⬜⬜⬜⬜
Trama
5/10
⬛⬛⬛⬛⬜⬜⬜⬜⬜
Giudizio complessivo
6/10
⬛⬛⬛⬛⬛⬛⬜⬜







Consiglio di lettura: sì, se si vuole leggere un libro di avventura piacevole senza stare tanto ad arrovellarsi su altro.

martedì 18 agosto 2020

Glenn Cooper - IL DEBITO

 



Autore: Glenn Cooper

Titolo: Il debito

Titolo originale: The Debt

Genere: Thriller, Suspense, Narrativa 

Editore: Nord

Collana: Narrativa Nord

Data di uscitanovembre 2017

Pagine420

Prezzo ediz. cartacea Cartonato: 22,00 €

E book Kindle: 3,99 €

Ambientazione: Città del Vaticano, Roma


Dal sito della casa editrice Nord:

"Glenn Cooper rappresenta uno straordinario caso di self-made man. Dopo essersi laureato col massimo dei voti in Archeologia a Harvard, ha scelto di conseguire un dottorato in Medicina. È stato presidente e amministratore delegato della più importante industria di biotecnologie del Massachusetts ma, a dimostrazione della sua versatilità, è diventato poi sceneggiatore e produttore cinematografico. Grazie al clamoroso successo della trilogia della Biblioteca dei Morti e dei romanzi successivi, si è imposto anche come autore di bestseller internazionali."

Recensioni

Glenn Cooper è abilissimo nel gestire la scacchiera della suspense fra le pagine de Il debito dove ogni personaggio è una pedina di una storia che calibra oculatamente fiction e realtà. (Luca Crovi, il Giornale)

Dopo averci portato in grotte sperdute, monasteri-bunker, biblioteche medievali e basi militari top secret, Glenn Cooper scrive forse il più verosimile dei suoi romanzi. (Marcello Simoni, Tuttolibri, La Stampa)

Appare sempre più evidente che il nuovo millennio ha un cuore macabro. Glenn Cooper lo ha intuito prima e meglio di tutti. E sa raccontarcelo. (Antonio D’Orrico, La Lettura - Corriere della Sera)

Trama (non viene mai svelato il finale)

E’ questo il secondo libro della serie di Cal Donovan, che comprende i seguenti volumi 

· Il segno della croce

· Il debito

· I figli di Dio

· Il sigillo del cielo

Grazie al ruolo svolto da Cal Donovan e descritto nel libro precedente “Il segno della croce”, questi riceve dal papa Celestino VI il privilegio unico ed eccezionale di poter accedere illimitatamente alla Biblioteca Vaticana e all'Archivio Segreto Vaticano. Cal, svolgendo una ricerca su un cardinale italiano di metà Ottocento, scopre negli archivi vaticani un debito colossale che Pio IX ha contratto, durante il fervore dei moti carbonari, con i banchieri ebrei Soisson, senza che questo sia mai stato restituito. L'attuale papa Celestino VI sorprendentemente incoraggia le ricerche di Cal per dimostrare l'autenticità e la validità del debito. Sua intenzione sarebbe restituire il debito non alla banca ma ad una fondazione da costituire insieme agli eredi della famiglia di banchieri e finalizzata a combattere la povertà nel mondo. Il debito è alto, circa 25 miliardi di euro attuali e Celestino pensa di disfarsi di parte del patrimonio artistico e culturale della Santa Sede. Un gruppo di cardinali della Curia è contrario a questo progetto e tenta di fermare in ogni modo le ricerche di Cal e i progetti del Papa.

Giudizio personale

Romanzo che cattura l'attenzione del lettore e che si legge in modo piacevole e avvincente, tra personaggi reali e altri inventati dalla fantasia dello scrittore. La storia si svolge tra le mura della Città del Vaticano ed è una narrazione credibile, scritta in modo fluido e scorrevole. Non si tratta però di un capolavoro, a mio avviso, perché abbastanza scontato e carente di originalità.

Stile
7/10
⬛⬛⬛⬛⬛⬛⬛⬜⬜⬜
Piacevolezza lettura
7/10
⬛⬛⬛⬛⬛⬜⬜⬜
Rappresentazione personaggi
7/10
⬛⬛⬛⬛⬛⬛⬜⬜⬜
Trama
6/10
⬛⬛⬛⬛⬛⬜⬜⬜⬜
Giudizio complessivo
7/10
⬛⬛⬛⬛⬛⬛⬛⬜⬜⬜










Consiglio di lettura: sì, se amate l'avventura e Glenn Cooper.

giovedì 13 agosto 2020

Albert Camus - LA PESTE



AutoreAlbert Camus

TitoloLa Peste

Titolo originale: La Peste

GenereRomanzo, Narrativa psicologica, Letteratura dell'assurdo, Narrativa esistenzialista

Editore: Bompiani

Collana: Classici Contemporanei

Data di uscita: pubblicato la prima volta nel 1947, da Bompiani pubblicato in questa collana nel giugno 2017

Pagine336

Prezzo ediz. cartaceaBrossura con bandelle € 13,00

E book Kindle: 4,99 €

Ambientazione: Orano (Algeria)

Dal sito della casa editrice Bompiani:

"Albert Camus (1913-1960) nacque in Algeria, dove studiò e cominciò a lavorare come attore e giornalista. Affermatosi nel 1942 con il romanzo “Lo straniero” e con il saggio “Il mito di Sisifo”, raggiunse un vasto riconoscimento di pubblico con “La peste”. Nel 1957 gli fu assegnato il premio Nobel per la letteratura. Di questo autore, oltre ai titoli già citati, Bompiani ha pubblicato “Caligola", “Il diritto e il rovescio”, “L'estate e altri saggi solari”, “L'uomo in rivolta”, “La morte felice”, “I demoni”, “L'esilio e il regno”, “Riflessioni sulla pena di morte”, “Tutto il teatro”, “La caduta”, “L’uomo in rivolta”, “Il primo uomo”, “Taccuini 1935-1959”, “Questa lotta vi riguarda. Corrispondenze per Combat 1944-1947”. Nei Classici Bompiani è disponibile il volume "Opere. Romanzi, racconti, saggi"."


Recensioni

L’incipit di una delle più famose e inquietanti opere della letteratura mondiale di tutti i tempi ci immerge nell’ordinarietà di un luogo che è Orano ma potrebbe tranquillamente essere Codogno o Wuhan o Daegu.
Considerata una metafora di quella spaventosa epidemia che negli anni quaranta dilagò in Europa con il nome di nazionalsocialismo, oggi richiama invece un’interpretazione fedelmente letteraria di ciò che descrive, in modo per noi assolutamente imprevedibile, considerando che quando fu scritta, benché già ammonisse sul possibile rinascere del pericolo, non lo ritenesse reale nel suo aspetto biologico-sanitario. (Teresa Simeone, repubblica.it/micromega-online)

La peste si può leggere come un libro allegorico: Camus inventa un’epidemia di peste negli anni Quaranta a Orano, in Algeria, per raccontare le reazioni dei suoi cittadini e quindi degli uomini di fronte al Male. Come pochi anni prima i francesi sotto l’occupazione nazista, gli abitanti di Orano di fronte alla peste mostrano le tante possibilità della natura umana. (Stefano Montefiori, Corriere della Sera)

Ma davvero c'è sempre bisogno di interpretare tutto simbolicamente? Kafka come visionario che anticipa il nazismo, come Sade e Nietzsche, cosa che è toccata anche a Albert Camus, basta rileggersi la nuova traduzione de La peste (Bompiani) di Yasmina Mélaouah e reinterpretare tutto alla lettera, come dovrebbe essere la letteratura. Insomma Camus è un realista estremo, non ha bisogno di stampelle simboliche.
Certo, la peste, a Orano, città senza vegetazione e senza anima, è un castigo divino, ma solo secondo le parole del prete Paneloux e di chi gli va dietro, metafisicamente. Tuttavia la voce narrante in terza persona è quella del dottor Bernard Rieux, un medico appunto, uno scienziato, la cui massima ambizione è non essere santo né eroe: «essere un uomo, questo mi interessa». E dunque, la peste come il nazismo, come metafora del male, della guerra? E perché non, allora, la peste come la peste? Se Camus avesse voluto parlare della guerra avrebbe scritto La guerra, non La peste. (Massimiliano Parente, il Giornale)

Trama (non viene mai svelato il finale)

Premetto che, tra le tante interpretazioni metaforiche assegnate a questo libro, io mi atterrò ad una sintesi letterale di quanto il libro racconta: ognuno potrà poi dare i significati che vuole a ciò che sta leggendo.
Allora, abbiamo un narratore, che poi si rileverà essere il dottor Bernard Rieux, che ha voluto raccontare i fatti come testimone obiettivo, perché per tutta la durata dell'epidemia ha lottato contro la peste e questo suo lavoro gli ha permesso di vedere i suoi concittadini, cogliere i loro sentimenti ed ha rafforzato il bisogno di lasciare un ricordo a favore dell'ingiustizia e della violenza che subirono i concittadini appestati. Descriverà quindi anche se stesso insieme ad una serie di altri personaggi, tra cui ricordo Grand, segretario comunale che si sta dedicando ad un romanzo, riscrivendo però sempre la prima frase in modi diversi. Abbiamo poi Tarrou che annota nel suo taccuino la cronaca dell'epidemia e che aiuterà Rieux nella lotta contro la peste, abbiamo Cottard che viene colto da raptus di follia, abbiamo Rambert, giornalista parigino che cerca in ogni modo di scappare dalla città per tornare dalla donna che ama e alcuni altri personaggi.

Il libro racconta un'epidemia che si è verificata a Orano, una prefettura francese della costa algerina, in un anno imprecisato, il 194... Durante la primavera un'ecatombe di sorci morti annunciò l'arrivo dell'epidemia di peste, accolta subito con incredulità perché non si riteneva possibile la sua ricomparsa. In pochi giorni i casi mortali si moltiplicarono e ne conseguì una serie di misure che, dopo aver attraversato il periodo del coronavirus, conosciamo bene anche noi: la chiusura della città, la separazione delle persone, la morte delle attività commerciali, le misure relative alla circolazione dei veicoli, la morte di persone che si spegnevano lontano dalle loro famiglie. Durante l'estate i numeri delle vittime aumentarono in modo vertiginoso, la peste bubbonica stava diventando peste polmonare. La città stava andando alla deriva, senza la speranza del futuro perché la peste ciascuno la porta in sé, nessuno al mondo ne è immune. Il libro termina con una frase profezia, che mi ha ricordato quella presente ne "La coscienza di Zeno" di Italo Svevo. "Forse verrebbe giorno in cui, per sventura e insegnamento agli uomini, la peste avrebbe svegliato i suoi topi per mandarli a morire in una città felice".

Giudizio personale

Lo stile, come per tutte le opere di quel periodo, è un po' datato, ma perfettamente leggibile. Non so quali erano gli intendimenti di Camus e quindi noi possiamo interpretare la peste in vari modi, il totalitarismo, il nazismo, la guerra, il Male oppure soltanto la peste. Come ho già detto, leggerlo in questo periodo difficile per noi, ci aiuta a comprenderlo meglio. A qualunque livello si voglia leggerlo, il romanzo è intenso, profondo, duro e crudele ma vero. La peste è un classico, un capolavoro senza tempo, sempre attuale, perché racconta i diversi modi di esprimersi della natura umana di fronte ad un fatto drammatico.

Stile
8/10
⬛⬛⬛⬛⬛⬜
Piacevolezza lettura
8/10
⬛⬛⬛⬛⬛⬛⬛⬛⬜
Rappresentazione personaggi
9/10
⬛⬛⬛⬛⬛⬛⬛⬛⬜
Trama
9/10
⬛⬛⬛⬛⬛⬛⬛⬜
Giudizio complessivo
9/10
⬛⬛⬛⬛⬛⬛⬜










Consiglio di lettura: sì

mercoledì 5 agosto 2020

Elizabeth Strout - OLIVE, ANCORA LEI


Autore: Elizabeth Strout

Titolo: Olive, ancora lei

Titolo originale: Olive, Again

GenereSaga, Narrativa psicologica, Narrativa domestica

Editore: Einaudi

CollanaSupercoralli

Data di uscita2020

Pagine272

Prezzo ediz. cartacea: 19,50 €

E book Kindle: 9,99 €

AmbientazioneMaine (USA)


Dal sito della casa editrice Einaudi

"Elizabeth Strout è nata nel Maine ma vive a New York. Ha pubblicato i suoi racconti su «The New Yorker» e molte altre riviste. In Italia ha pubblicato, per Fazi editore, tre romanzi, Amy e Isabelle, Resta con me e I ragazzi Burgess, e la raccolta di racconti Olive Kitteridge, con cui ha vinto il Premio Pulitzer (2009), il Premio Bancarella (2010) e il Premio Mondello (2012). Dalla stessa raccolta di racconti è stata tratta una serie tv, prodotta dalla Hbo. Per Einaudi ha pubblicato Mi chiamo Lucy Barton (2016 e 2017), Tutto è possibile (2017 e 2018) e Olive, ancora lei (2020)."


Recensioni

Appassionati di gemme letterarie, gioite... Gustata sillaba per sillaba, è un'opera stupefacente. (The Washington Post)

Il ritorno di Olive, la donna difficile (e irresistibile) di Elizabeth Strout
Elizabeth Strout, 64 anni, in libreria il 10 marzo con Olive, ancora lei (Einaudi). Con Olive Kitteridge aveva vinto il Pulitzer nel 2009. (Mara Accettura, D La Repubblica)

Olive, ancora lei , è uscito il 15 ottobre scorso negli Stati Uniti. In Italia è arrivato il 10 marzo, all’inizio del lockdown. Un seguito è sempre rischioso quando il primo libro ha successo (in questo caso nel mezzo c’è stata anche un’apprezzata miniserie televisiva). Ma per chi già conosceva il bisturi emotivo di Elizabeth Strout, il nuovo libro probabilmente non è stata una sorpresa. (Alessia Rastelli, Corriere della Sera)


Trama (non viene mai svelato il finale)

Il romanzo racconta il decennio successivo rispetto a quello raccontato nel primo libro. 
Siamo nuovamente a Crosby, la cittadina fittizia del Maine. 
A distanza di un decennio, in un mondo dove tutto cambia, Olive Kitteridge è ancora lei, insegnante di matematica in pensione, alta, grossa, scontrosa e irascibile ma sincera, empaticamente sensibile alle sorti dei suoi simili. Mamma di Christopher (podologo a New York) e nonna di un nipotino, è rimasta vedova di Henry, colpito da un ictus. 
Nella sua vecchiaia c’è ancora posto per amicizie profonde e per un nuovo amore. Lui si chiama Jack Kennison, docente di Harward in pensione, 74 anni, due dottorati, vedovo di Betsy da 7 mesi e con una figlia lesbica con cui i rapporti sono difficili. In comune Olive e Jack hanno il fatto che entrambi non piacciono ai propri figli, sono due vecchi soli che vogliono stare insieme e che, quindi, decidono di sposarsi. 
Il libro è composto da una serie di racconti in cui intervengono diversi personaggi, sono racconti di amori, di dolore e morte, di solitudine, con un fil rouge che li lega alla storia di Olive e Jack, la storia di un amore e dell’invecchiamento, del declino e delle perdite che tutto ciò comporta.

Giudizio personale

Una serie di racconti intercalati alla storia principale, quella di Olive e Jack in cui l'autrice dimostra rispetto e sensibilità nel raccontare con delicatezza e ironia il periodo più difficile della vita. I personaggi sono descritti in modo preciso con le proprie debolezze, indegnità, rimpianti, ricordi, lo stile di scrittura è scorrevole, trasparente e venato da un'intensa malinconia.


Stile
8/10
⬛⬛⬛⬛⬛⬛⬛⬜⬜
Piacevolezza lettura
7/10
⬛⬛⬛⬛⬛⬛⬜
Rappresentazione personaggi
8/10
⬛⬛⬛⬛⬛⬛⬛⬛⬜⬜
Trama
8/10
⬛⬛⬛⬛⬛⬛⬛⬜⬜
Giudizio complessivo
8/10
⬛⬛⬛⬛⬛⬛⬛⬛⬜







Consiglio di lettura: sì

martedì 4 agosto 2020

Isabel Allende - L'AMANTE GIAPPONESE


AutoreIsabel Allende

Titolo: L'amante giapponese

Titolo originaleEl amante japonés

Genere: Romanzo, Romanzo rosa, Fiction storica

Editore: Feltrinelli

Collana: I narratori

Data di uscita: ottobre 2015

Pagine288

Prezzo ediz. cartacea:  € 18,00

E book Kindle:  € 6,99

AmbientazioneCalifornia, Utah (USA)


Dal sito della casa editrice Feltrinelli:

"Isabel Allende è nata a Lima, in Perù, nel 1942, ma è vissuta in Cile fino al 1973 lavorando come giornalista. Dopo il golpe di Pinochet si è stabilita in Venezuela e, successivamente, negli Stati Uniti. Con il suo primo romanzo, La casa degli spiriti del 1982 (Feltrinelli, 1983), si è subito affermata come una delle voci più importanti della narrativa contemporanea in lingua spagnola. Con Feltrinelli ha pubblicato anche: D’amore e ombra (1985), Eva Luna (1988), Eva Luna racconta (1990), Il Piano infinito (1992), Paula (1995), Afrodita. Racconti, ricette e altri afrodisiaci (1998), La figlia della fortuna (1999), Ritratto in seppia (2001), La città delle Bestie (2002), Il mio paese inventato (2003), Il Regno del Drago d’oro (2003), La Foresta dei pigmei (2004), Zorro. L’inizio di una leggenda (2005), Inés dell’anima mia (2006), La somma dei giorni (2008), L’isola sotto il mare (2009), Il quaderno di Maya (2011), Le avventure di Aquila e Giaguaro (2012), Amore (2013), Il gioco di Ripper (2013), L'amante giapponese (2015), Oltre l'inverno (2017), Lungo petalo di mare (2019). Negli Audiolibri Emons Feltrinelli: La casa degli spiriti (letto da Valentina Carnelutti, 2012) e L’isola sotto il mare (letto da Valentina Carnelutti, 2010). Inoltre Feltrinelli ha pubblicato Per Paula. Lettere dal mondo (1997), che raccoglie le lettere ricevute da Isabel Allende dopo la pubblicazione di Paula, La vita secondo Isabel di Celia Correas Zapata (2001). Nel 2014 Obama l’ha premiata con la Medaglia presidenziale della libertà."




Recensioni

Il sentimento più calmo e sicuro dell’età matura nel nuovo libro di Isabel Allende «L’amante giapponese» 
«Siamo abituati a pensare all’amore dei giovani ma anche gli anziani amano con la stessa passione e intensità». Così Isabel Allende, intervistata da Barbara Stefanelli, vicedirettore vicario del «Corriere della Sera», commenta il tema del nuovo libro «L’amante giapponese».  (Barbara Stefanelli -CorriereTV)

“Ci sono passioni che divampano come incendi fino a quando il destino non le soffoca con una zampata, ma anche in questi casi rimangono braci calde pronte ad ardere nuovamente non appena ritrovano l’ossigeno". Protagonista dell’ultimo romanzo di Isabel Allende è l’epica storia d’amore tra Alma Belasco e il giardiniere giapponese Ichimei: una vicenda che trascende il tempo e che spazia dalla Polonia della Seconda guerra mondiale alla San Francisco dei nostri giorni. (dirittodicronaca.it) 

La nostra romanziera ci mette dentro di tutto : dalla droga all'Aids, dall'ossessione erotica senile al mondo gay; poi l'eutanasia, gli orrori della pedopornografia... Ciò produce una trama incalzante, troppo, con giravolte e colpi di scena poco credibili, da lasciare certamente insoddisfatto chi cerca autenticità, non storie costruite a tavolino. (qlibri) 

Trama

Alma Belasco, un’anziana colta e agiata, decide di trascorrere gli ultimi anni della sua vita a Lark house, una residenza per anziani nelle vicinanze di San Francisco. All’interno della residenza stringe amicizia con Irina, una giovane infermiera moldava, di cui presto si innamorerà il nipote Seth Belasco. Alma inizierà a raccontare ai due giovani la propria vita, caratterizzata in modo particolare dalla sua grande storia d'amore clandestina, quella con il giapponese Ichi, figlio del giardiniere dell'aristocratica dimora in cui ha vissuto e compagno di giochi sin dalla più tenera infanzia. L’intensa storia d’amore si intreccia con la Storia della seconda guerra mondiale e con il capitolo oscuro dei giapponesi deportati nei campi di concentramento statunitensi. 

Giudizio personale

Libro intenso, raccontato in modo magistrale, che intreccia la vicenda dei protagonisti con la grande Storia della seconda guerra mondiale, considerata soprattutto nell'aspetto poco conosciuto della deportazione dei giapponesi. All'inizio la lettura è abbastanza difficoltosa, poi l'interesse decolla ma occorre dire che la trama risulta abbastanza contorta e scarsamente credibile, talvolta scadendo in una storia d'amore da romanzo d'appendice. Libro discreto, non all'altezza dei capolavori della Allende.

Stile
6/10
⬛⬛⬛⬛⬛⬜⬜
Piacevolezza lettura
7/10
⬛⬛⬛⬛⬛
Rappresentazione personaggi
5/10
⬛⬛⬛⬛⬛⬜⬜⬜⬜⬜
Trama
5/10
⬛⬛⬛⬛⬜⬜⬜⬜⬜
Giudizio complessivo
6/10
⬛⬛⬛⬛⬛⬛⬜⬜










Consiglio di lettura: sì, se si ama l'autrice ad ogni costo; no se si spera di trovare la Allende del suo miglior periodo .